L’Emilia-Romagna è una delle prime regioni in Italia per efficienza del sistema sanitario ed è da sempre ai primi posti come qualità delle università, numero di ricercatori e qualità del sistema formativo. A fianco di queste eccellenze pubbliche si pone un sistema industriale forte e maturo, che vanta il più importante distretto biomedicale d’Europa, grandi aziende del settore farmaceutico, come  e nicchie tecnologiche emergenti, come quelle della medicina rigenerativa, che spingono la regione ai vertici mondiali dell’innovazione del settore. Casi di eccellenza regionali sono le industrie farmaceutiche e biotecnologiche.

Le industrie biomedicali rappresentano un elemento storico di specializzazione: si va dalla produzione di protesi ortopediche, arti artificiali e protesi odontoiatriche alle tecnologie elettromedicali per diagnosi passando per la realizzazione di dispositivi medici di vario tipo.

Si registra, inoltre, qualche caso di investimento da parte di grandi imprese straniere e industrie minori nel campo dei prodotti naturali salutistici e cosmeceutici.

In Emilia-Romagna si evidenziano anche servizi di assistenza a persone fragili (anziani, disabili) di alta qualità e industrie di produzione di attrezzature e prodotti per il wellness e per il fitness o di ausili per persone disabili.Infine, rilevante è anche il filone che riguarda l’informatica medica e sanitario-assistenziale.

In Emilia-Romagna le opportunità di studio, lavoro e impresa nell’ambito dell’Industrie della Salute e del Benessere sono fortemente interrelazionati grazie alla presenza di reti di diversi soggetti (Rete Alta Tecnologia, Tecnopoli, Clust-ER, Startup) coordinati da ART-ER, nel suo ruolo di "acceleratore dell'innovazione" in regione.

L’ecosistema regionale della ricerca e dell’innovazione può essere suddivisa in presidi tematici, per ciascuno dei quali è possibile identificare i laboratori della Rete Alta Tecnologia, che sono organizzazioni in grado di valorizzare i risultati della ricerca a fini economici e sociali, e i Clust-ER, associazioni private di imprese, centri di ricerca, enti di formazione che condividono competenze, idee e risorse per sostenere la competitività del settore che presidiano. 

Per maggiori informazioni sull’ambito di specializzazione “industrie della salute e del benessere” e le sue opportunità: